Libri

POESIE  
SAGGISTICA
INTERVISTA
Da Kljaz’ma e Jauza
Da La rosa canina  
Da Tristano e Isotta
Vecchi canti
Da Porte, finestre, archi
Da Giambo
Viaggio in Cina
Da Libro che non finito
Da Canto serale
Elegie
Da L’inizio del libro
Da La rosa canina
Leggende e fantasie

(1976 - 1978)
Leggenda settima.
Morte di Alessio, uomo di Dio
Tu giardino, tu l’orto patrizio,
tu marmo che al cuore s’innesta,
tu stormisci su l’acqua sognante
e la mediterranea giovinezza,
partendo l’ultima bellezza
con l’orfano ridivenuto figlio.

E s’abbandonano i petali
e l’acqua si schiude
e le colonne fan battere il cuore,
fiorendo, di rossore.

E potrà forse l’uomo indovinare
perché fu il bel giardino seminato,
perché ci lasciano soli a penare
e dalla gioia ci chiamano indietro
e chiedono di prenderne commiato
ed avvolgono ancora nel passato?

Ed ecco riesce nel giardino la finestra.
Come in un riflesso malato di mente,
riconosce il proprio sguardo nuovo
nel suo imbarazzo e distretta.
Le fibre credono e dolgono:
– Veramente Dio passa come un tosco? –

Passa, passa nel sangue come un tosco,
innocuo all’indifferente,
non dilacera che il cuore in ascolto,
come strappi una lettera d’amore,
e il cuore implora:
                     – Strappa!

io sento l’abbassamento rapace
di un’altra capitale. Al paragone
di quella, tu – discreta umiliazione,
suburbio di seconda giovinezza.
Pianto dei famigliari, urla di prefiche. –

È qui ormai. La famiglia malata
con la luce del giorno mi vuole.
Uscirò, senza levare gli occhi,
senza affrettare il passo.

E se il tempo consola,
vi accoglierà, come il pianto il fazzoletto,
come si tolgono le stalattiti dal cero,
come alle finestre le rondini volano.

Com’io camminerò d’occhi in occhi
nelle lacrime della rimembranza,
io – voce per voi levata,
ed elemosina accolta.
Adalberto Mainardi
La rosa canina
 Leggenda settima.
Morte di Alessio, uomo di Dio
Leggenda dodicesima.
San Sergio di Radonež
Il viaggio dei Magi
Copyright © Sedakova All rights reserved >UP >A SOSTENERE IL SITO > Design Team Partner >