Libri

POESIE  
SAGGISTICA
INTERVISTA
Da Kljaz’ma e Jauza
Da La rosa canina
Da Tristano e Isotta
Vecchi canti
Da Porte, finestre, archi
Da Giambo
Viaggio in Cina
Da Libro che non finito
Da Canto serale
Elegie  
Da L’inizio del libro
Elegie
(1987-2004)
Terra
A Sergej Averincev
Quando ad oriente il fondo della notte si viene accendendo,
a poco a poco la terra risplende, restituendo

la sovrabbondanza del dono di tenera, ormai quasi inutile luce.
A ciò che a tutto risponde, non v’è risposta.

E chi potrebbe risponderti in questa valle di pianto,
grandezza semplice dell’anima? Grandezza del campo

che non predispone dalla razzia, né dall’aratro
difesa alcuna: uno dopo l’altro

tutti coloro che spogliano, calpestano, configgono
il vomere nel cuore, come sogno dopo sogno, scompaiono

in qualche luogo lontano, sull’oceano, dove tra loro tutti, come uccelli, si somigliano.
E senza guardare la terra vede e dice: Signore perdona! –

dietro a ciascuno.
          Così al monastero delle Grotte, mi ricordo, una pia donnina
infila tra le dita, a chi scende ai santi monaci, una candelina,

come a un bambino piccolo, che va al luogo tremendo
dove è la gloria di Dio – e guai cui la vita non è sposa –

dove si sente come il cielo respira e perché respira.
– Ti salvi Dio – dice dietro a chi non sta a sentirla.

… Forse, morire, è mettersi infine in ginocchio?
Ed io che sarò terra, la terra guardo, sbalordita.

Purezza più pura della prima purezza! Dalla regione dell’indurimento
io chiedo il perché dell’intercessione e del perdono.

Io chiedo se davvero, tu folle, ti rallegri
per millenni d’inghiottire ingiurie e dispensar mercedi?

Perché li hai tanto cari, o in che cosa ti hanno compiaciuto?
– Perché io sono – risponde. –
Perché tutti noi fummo.
Adalberto Mainardi
Elegia dell’acqua d’autunno
Elegia del fico
 Terra
Principio
Musica
In memoria del poeta
Copyright © Sedakova All rights reserved >UP >A SOSTENERE IL SITO > Design Team Partner >